QUESTO BLOG

(Il 27 maggio 2017 questo Blog cambia titolo – non indirizzo:
si intesta al Teatro alle Scale di Porchiano, dedicato a Iacopone.)
Questo Blog non presenta capolavori ma solo passi incerti, per la selva oscura del poeta maledetto Iacopone... Continua:

Wednesday, April 6, 2016

Criterio traduttivo


Sulla traduzione di Lauda Carceraria "Que farai fra Iacopone" (M. 53)


Il criterio di questa traduzione è molto presuntuoso; si ispira a quanto disse non so chi: "Una poesia può essere tradotta soltanto in un'altra poesia". Mi fu molto di aiuto un secolare Dizionario Zingarelli, l'ottima parafrasi del testo di Paolo Canettieri (in Rete), il Glossario in Laudi ed. Laterza e quello in Rete su Project Gutemberg EBook. Al v. 59, ho però inteso l'"otto" come "opto".
L'originale a fronte si fonda su Laude curate da Franco Man-cini: su carta per Laterza e in Rete al sito Einaudi. Ho compulsato in Rete anche l'edizione fiorentina del 1490  (Project Gutemberg EBook) e il testo stabilito da Gianfranco Contini (Reti Medievali), che mi son piaciuti meno.
Nel testo originale, mi sono permesso l'arbitrio di spargere accenti ed apostrofi, di modificare la punteggiatura e persino di cambiare qualche lettera. Ho anche spostato alcune parole, sempre per assecondare una lettura orale. Ugualmente ho sostituito "loco pigliasti malina" con "loco piglia 'sta malina"... mai nessuno l'abbia messa per scritto, non mi ritengo il primo a cantarla in questo modo.
Non ho alcuna autorità né vanto pretese di autenticità, rispetto alla parole di un Poeta del quale non esiste testo autografo o pubblicato con sua revisione. I testi iacoponici più antichi differiscono ampiamente, specie i toscani rispetto agli umbri. Ritengo che qualsiasi testo originario sia sempre trasmesso diversamente da chi trascrive un documento precedente e invece, da chi ascolta, memorizza e poi ripete. Nessun monumento storico potrà mai conservarsi come nuovo... e che sia meglio così.
Per finire, due consigli di lettura: meglio se ad alta voce, eventualmente con appropriato ritmo, che per me sarebbe lento, anche musicale, più o meno antico... su YouTube c'è una versione Rap, che a me però non piace.
Questa lauda è composta da versi ottonari (che vuol dire di otto sillabe), di norma accentati così: nìnna nànna nìnna nànna. Ci starebbe anche una pausa  alla metà del verso:  nìnna nànna // nìnna nànna. Ma svegliamoci, però...

No comments:

Post a Comment