QUESTO BLOG

(Il 27 maggio 2017 questo Blog cambia titolo – non indirizzo:
si intesta al Teatro alle Scale di Porchiano, dedicato a Iacopone.)
Questo Blog non presenta capolavori ma solo passi incerti, per la selva oscura del poeta maledetto Iacopone... Continua:

Saturday, July 23, 2016

Foto ufficiali inaugurazione Teatro









2 luglio 2016, Inaugurazione del nuovo Teatro alle Scale di Porchiano con "O vita..."  di Iacopone (Lauda M 58 "O Vita penosa"). Tutte la foto sono di Costa Damico meno la prima che è recuperata dall'album di Salvatore Biondo, condiviso con il gruppo Facebook "Teatro alle Scale" .

















Friday, July 22, 2016

Programma definitivo 'Estate Jaco-Comica 2016

Programma definitivo 'Estate Jaco-Comica 2016


Programma definitivo dell'Estate Jaco-Comica nel Teatro alle Scale di Porchiano. 

Sotto l'alto patronato di Pro Loco e Dominio Collettivo di Porchiano.
Ore 21:30, ogni Giovedi.
Offerta libera. Munitevi di spiccioli, di carta moneta o di genuini prodotti in natura... niente sesso: Jacopone non lo fa!

a seguire:

28 Luglio
O vita...
Lauda M 58 "O Vita penosa"
+ Divina Corriera, sempre il Canto seguente

4 Agosto
Anema e Corpo
Lauda M 57 "Audite una entenzone"
+ Divina Corriera, sempre il Canto seguente

11 Agosto
Malifàzia
Lauda M 83 "O papa Bonifazio / multo"
+ Divina Corriera, sempre il Canto seguente

18 Agosto
Carceraria
Lauda M 53 "Que farai fra Iacovone?"
+ Divina Corriera, sempre il Canto seguente

25 Agosto
O vita...
Lauda M 58 "O Vita penosa"
+ Divina Corriera, sempre il Canto seguente

1 Settembre
Anema e Corpo
Lauda M 57 "Audite una entenzone"
+ Divina Corriera, sempre il Canto seguente

8 Settembre
Malifàzia
Lauda M 83 "O papa Bonifazio / multo"
+ Divina Corriera, sempre il Canto seguente

15 Settembre
Carceraria
Lauda M 53 "Que farai fra Iacovone?"
+ Divina Corriera, sempre il Canto seguente

22 Settembre
O vita...
Lauda M 58 "O Vita penosa"
+ Divina Corriera, sempre il Canto seguente

29 Settembre
Anema e Corpo
Lauda M 57 "Audite una entenzone"
+ Divina Corriera, sempre il Canto seguente

Monday, July 11, 2016

Serata del 14 luglio: Canzone Malifàzia






Teatro alle Scale di Porchiano, Estate Jaco-còmica 2016
sotto l'alto patronato di Proloco Porchiano.
Una Prima per ogni Giovedì, alle 21:30 precise.
14 Luglio (allons énfants!):
Canzone Malifàzia eccetera

Posti disponibili: 1 poltrona d'Onore, 12 sedie e 2 panche in Platea, Gradinata alle scalette e Loggione sulle mura. Strapuntino carto-plastico igienico e gratuito. Non c'è ingresso né biglietto, offerta libera nell'Intervallo.
Sor Alberto promise di venire con una sua "dama"... sarà bianca o sarà roscia ?

PRIMO TEMPO

Canzone Malifazia di Iacopone da Todi
"O papa Bonifazio, molt’hai iocato al mondo"
[Lauda N. 83 in lezione F. Mancini qui adattata. Versione prosaica in lingua corrente di P. Canettieri su https://paolocanettieri.wordpress.com/article/iacopone-da-todi-vyvpjuoxc2n0-17/]

Prologo
Vengo da Todi, me nomo Iacopone e fo 'l giullare... a la vostra caritate. Poi mano alla scarsella... e date, date, date!
Nobile Vulgo! Porchianesi et foràstici! Ora me dimanderete:
"O Beato Iacopone, Ce pari un omo santo, de grande religione... como se fu ch'el papa te mise a la prigione, con l'emmaledizione d'escommunicazione?"
Et era isso, Papa maledetto!"Caetani Benedetto" sortiva per anàgrafe."Caetaaani"... già ce senti fetore de Gomorra. Ma quando sale a Papa, se noma Bonifazio. Papa de malefizio! Peggio de troppi papi... mastro de falsità, ladroneccio e simonia, ruffian baratti e simile lordura! Lo canzonava, il popolo, ne beffeggiava nomi:
[canta sull'aria ligure: Oi Lindìn oi Lindin oi Lindéna]
 Caetani Maledetto    o papa Malifazio,
ma guarda tu che strazio    per la cristianità!
Papalìn papalìn papaléna,    sabato rubi e domenica piena.
Papalìn papalìn papalà,    mai ti riposi d'avidità!

No, no! che non fu mia questa sciocca filastrocca... eo ne scrissi ben più alta di canzone!
Già lo conobbi, il Caetani Benedetto, ante che fusse la mea conversione a san Francesco et madonna Povertate. Ante de quo, fui omo de gran mondo: grand' Avvocato, Onorevole Assessore... et noto a tutti, in Todi et fora Todi. Et il Caetani, allora, né vescovo né prete, faceva il faccendiere de mafia comunale: brigante sempre appalti, tangenti et corrupzioni.
Quando se fece Papa lo ingenuo Celestino, Caetani Benedetto, mascherato de san Petro et sospeso per la fune, in camera papale de notte se calava... et  con voce terrìbele, gridava: "O Celestino! Indegno peccatore! Dimìttete de Papa! Dimìttete de Papa, o Celestino!" E fu così che il vile, in fine rassegnò le demissione. "Ce fece per viltà, il gran rifiuto"... como la canta un poetello de Firenze.
Allora Maledetto minaccia Cardinali e tanti ne corrumpe a sua complicitate, sì che eleggono a conclave, esso Caetani a papa Bonifazio... Ottavo.
Vui però dimanderete ulterimente:
"O Beato Iacopone, ma poi ch'esso fu Papa, perché te mise a perpetua prigione, con l'emmaledizione d'escommunicazione? Te santissimo eremita et poeta de grande religione?"
Io credo, el Malifazio s'enfuriasse perché girava certa mea canzone, che stava fissa in vetta dell'Alta Paratione e che ce prese pure Discone de Plàtino. Nobile Vulgo! Porchianesi et foràstici! Audite la canzone de papa Malifazio e si ve place, cantate el rintronello!

[Ritornello o Ripresa, canta sull'aria di Figli dell'Officina]
O papa Bonifazio,     molt’hai jocato al mondo;pensome che jocondo     non te ‘n porrai partire!
Lo mondo non n’ha usato      lassar li sui serventi,ched a la scivirita     se ‘n partano gaudenti.Non farà lege nova      de farne te essente,che non te dìa presente,      che dona al suo servire. Bene lo mme pensai      che fussi satollatod’esto malvascio joco,     ch’al mondo hai conversato;ma poi che tu salisti     enn offìzio papato,non s’aconfà a lo stato     essere en tal disire!
Vizio enveterato     convertes’en natura;de congregar le cose     granne n’ha’ auta cura;or non ce basta el licito     a la tua fame dura,messo t’èi a ‘rrobatura,     como asscaràn rapire.
Pare che la vergogna     dereto agi iettata,l’alma e lo corpo hai posto     a llevar to casata;omo ch’en rena mobele     fa grann’edificata,subito è ‘n ruinata,     e no li pò fallire.
Como la salamandra     sempre vive nel foco,cusì par che llo scandalo     te sia solazzo e ioco;dell’àneme redente     par che ne curi poco!Là ‘ve t’accunci ‘l loco,     saperàilo al partire.
Se alcuno ovescovello     poco velle pagare,mìttili lo fragello     che lo vòl’ degradare;poi ‘l mandi al cammorlengo,     che se dèia acordare;e tanto porrà dare     che ‘l lassarai redire.
Quando nella contrata     te piace alcun castello,‘n estante mitti screzio     enfra frat’e fratello;(a)ll’un getti el braccio en collo,     (a)ll’altro mustri el coltello;se no n’(as)sente al tuo appello,     menàccil' de firire.
Pènsite per astuzia     lo mondo dominare;ciò ch’òrdene l’un anno,     l’altro el vidi guastare.'L mondo non n’è cavallo    che sse lass’enfrenare,che ‘l pòzzi cavalcare      secondo tuo volere!
Quando la prima messa     da te fo celebrata,venne una tenebrìa      per tutta la contrata;en santo non remase     lumìnera apicciata,tempesta tal levata     là ‘ve tu stavi a ddire.
Quando fo celebrata     la ‘ncoronazione,non fo celato al mondo     quello che c’escuntròne:quaranta omen’ fòr morti      (a)ll’oscir de la masone!Miracol Deo mustròne,     quanto li eri ‘n placere.
Te reputavi èssare     lo plu sufficïentede sèdere en papato     sopre onn’omo vivente;clamavi santo Petro     che fusse respondentes’isso sapìa neiente     respetto al tuo sapere.
Punisti la tua sedia      da parte d’Aquilone,escuntra Deo altissimo     fo la tua entenzione.Per sùbita ruina èi preso     en tua masonee nullo se trovòne     a poterte guarire.
Lucìfero novello     a ssèdere en papato,lengua de blasfemìa,     ch’el mondo hai ‘nvenenato,che non se trova spezia.     Bruttura de peccatolà ‘ve tu si enfamato     vergogna è a profirire.
Punisti la tua lengua      contra le relijuni,a ddicer blasfemìa     senza nulla rasone;e Deo sì t’ha somerso      en tanta confusioneche onn’om ne fa canzone      tuo nome a maledire.
O lengua macellara      a ddicer villania,remproperàr vergogne     cun granne blasfemìa!Né emperatòr né rege,      chivelle altro che sia,da te non se partìa      senza crudel firire.
O pessima avarizia,      sete endòpplicata,bevér tanta pecunia,     no n’essere saziata!Non ‘l te pensavi, misero,      a ccui l’hai congregata,ché tal la t’ha arrobata,      che no n’eri en pensieri.
La settemana santa,      ch’onn’omo stava ‘n planto,mandasti tua famiglia     per Roma andare al salto;lance gìero rompenno,     faccenno danz’e canto;penso ch’en molto afranto     Dëo te dèia ponire.
Intro per Santo Petro      e per Santa Santoromandasti tua famiglia     faccenno danza e coro;li pelegrini tutti     scandalizzati fòro,maledicènn(o) tu’ oro     e te e to cavalieri.
Pensavi per augurio     la vita perlongare!Anno dìne né ora      omo non sperare!Vedem per lo peccato     la vita stermenare,la morte appropinquare     quand’om pensa gaudere.
Non trovo chi recordi      papa nullo passato,ch’en tanta vanagloria      se sia sì delettato.Par ch’el temor de Deo      dereto agi gettato:segno è d’om desperato     o de falso sentire.
Epilogo a questua
Vengo da Todi, me nomo Iacopone
e fo 'l giullare... a la vostra caritate.
Or mano alla scarsella... e date, date, date!

SECONDO TEMPO

la Divina Corriera, canto  2 + 1/2 canto 3.


Tuesday, July 5, 2016

Estate Iaco-Comica 2016





Teatro alle Scale di Porchiano
Sotto l'Alto Patronato di Pro Loco Porchiano del Monte

da Luglio a Settembre, ogni Giovedì, spettacoli sempre diversi
ore 21:30, agli Stalletti sotto le Mura.

UNA JACO-COMICA
di Jacopone da Todi (XIII Secolo)

UN CANTO DELLA DIVINA CORRIERA
di Suddu Sìnhala (XX Secolo)

VARIE ED EVENTUALI
offerta libera  - Tel 338 6762691 Ghersi
http://iacoponedatodi.blogspot.it - FaceBook: Teatro Alle Scale di Porchiano